CERTOSA DI PADULA

Tra i tanti Patrimoni dell'umanità presenti in Italia c'è anche lei e non poteva mancare per ARTE, PATRIMONIO e sopratutto storia. ...sto parlando della

CERTOSA DI PADULA o di SAN LORENZO

Siamo in Campania e precisamente nella splendida cornice del parco nazionale del Cilento in provincia di salerno dove oltre allo spettacolo naturale potremo ammirare anche questo esempio di ARTE PURA che consiglio a chiunque di visitare!!!

È un vero capolavoro barocco di inestimabile valore e patrimonio dell'umanità sin dal 1998 e venne costruita nel 1306 per volere di Tommaso II Sanseverino signore della Valle di Diano il quale decise di dedicarla a San Lorenzo perché qui sorgeva una chiesa già esistente proprio dedicata a questo Santo.

Ma è nel periodo barocco che questo splendido sito raggiunse il massimo splendore che potrete ammirare anche oggi....vennero decorate delle aree in maniera talmente magistrale da rapire lo sguardo di chiunque!!!!

Fu affidata all'ordine dei certosini e basandosi sulla loro regola che esalta il lavoro e la contemplazione vennero creati vari spazi per questo: il chiostro, la biblioteca con il bellissimo pavimento fatto con le maioliche di Vietri sul mare,la grande cucina e la stupenda chiesa...sublimita' assoluta! !!!

Ringrazio Antonio che mi ha permesso di conoscere questo capolavoro. ..51.000 mq di splendore e soavita' dove camminare vuol dire perdersi nella contemplazione del tutto !!!

LA CERTOSA DI PADULA è la Certosa più grande d'Italia e la seconda in Europa e impiegherete almeno 4 ore nella sua visita per ammirare tutti i suoi capolavori... E vi resterà nel cuore. ...

Bellissimi i PORTALI BAROCCHI

Scenografica e piena di mistero la CAPPELLA PRINCIPALE

Splendido il CHIOSTRO

Unici e curatissimi i suoi GIARDINI

Da lasciare senza fiato lo SCALONE con la sua forma ellittica e la sua maestosità...rimarrete incantati nell'ammirarlo!!!

Camminando al suo interno ogni angolo vi sembrerà una scoperta....E soffermandosi nelle antiche cucine comprenderete come i certosini amano lavorare per donare a Dio. ....

Peccato che nel periodo napoleonico venne saccheggiata per poi essere restaurata in seguito....Non si può immaginare uno scempio simile in tale capolavoro! !!!

l'arte qui ha la sua massima espressione nella chiesa principale....soffitti decorati in barocco e oro talmente maestosi da chiedersi come siano stati realizzati! !!!

Oggi questa CERTOSA ospita il MUSEO PROVINCIALE ARCHEOLOGICO DELLA LUCANIA anche esso molto interessante dove potrete scoprire usi e costumi di questo popolo ....

È aperta al pubblico tutti i giorni dalle 9 alle 19  tranne il martedì ma consiglio sempre una telefonata perché spesso a causa di restauri ci sono delle zone chiuse.

cosa mi è piaciuto di più : la sua maestosità visibile nella sua estensione e nella chiesa principale dove tutto sa di ARTE PURA

cosa mi èpiaciuto  di meno: per la sua bellezza meriterebbe delle guide che facciano da Cicerone al visitatore .

PERCHÉ VISITARLA : sopratutto per scoprire la più grande CERTOSA italiana e sopratutto un capolavoro artistico PATRIMONIO DELL 'UMANITÀ

VALUTAZIONE :10 E LODE LODE LODE

Espressione sublime artistica che ogni viaggiatore che ama l'arte dovrebbe vivere per ritornare a casa ricco dentro.

4 Risposta

  1. Veramente un'esplosione di colori e forme che con la bellezza naturale, la rendono ancora più importante.
    • Fatima Grossi
      ARTE PURA
  2. Un vero capolavoro sublime
    • Fatima Grossi
      Capolavoro artistico unico

Lascia un commento

Su questo sito utilizziamo strumenti nostri o di terze parti che memorizzano piccoli file (cookie) sul tuo dispositivo. I cookie sono normalmente usati per permettere al sito di funzionare correttamente (cookie tecnici), per generare statistiche di uso/navigazione (cookie statistici) e per pubblicizzare opportunamente i nostri servizi/prodotti (cookie di profilazione). Possiamo usare direttamente i cookie tecnici, ma hai il diritto di scegliere se abilitare o meno i cookie statistici e di profilazione. Puoi abilitare i cookie accettando o scorrendo la pagina. Cookie policy